Marmo A Colazione

Jay Reatard è un cavaliere Jedi

In Pillole on maggio 24, 2010 at 4:18 pm

Jay Reatard era un fottuto cavaliere Jedi. In questi tempi bui attaccare la chitarra all’amplificatore e cazzeggiare con la sfacciataggine e la genuinità con cui lo faceva Jay è una missione epica al pari della distruzione della morte nera.

Ma questo particolare, assolutamente fondamentale per capire la grandezza di Jay, ci costringe ad iniziare una riflessione seria su tutto il panorama della musica e Star Wars.

In un parallelismo fra i due mondi possiamo dire senza esitazione che Bob Dylan rappresenta Darth Vader.  E’ l’eletto ed è giunto fra noi per riportare l’equilibrio nell’universo (credo che nessuna citazione possa essere più azzeccata quando si parla di Dylan). E’ un passionale e dopo un incidente (la lava sul pianeta Mustafar per Anakin– e l’incidente in moto per Bob) è scomparso per un po’ per poi tornare con un look pessimo (guardare il retro copertina di “John Wesley Harding” e il tipico abito di Darth Vader) e dei discutibili ideali (l’uno strangolava con la mente chi non la pensava come lui, l’altro faceva tre album dal contenuto ignobilmente cattolico). Ora, è palese che in età adulta entrambi hanno avuto  problemi alla voce e che il loro modo di respirare è stato irrimediabilmente  corrotto dai diversi bong fumati fra i 20 e i 30. Non a caso è interessante notare il cambio di look di Anakin e Obi Wan Kenobi da “L’Attacco dei Cloni” alla “Venetta dei Sith” molto simile a quello dei Beach Boys e dei numerosi musicisti che nella fine degli anni 60 sono diventati degli hippie barbuti a dopo aver scoperto le droghe. In ultimo è interessante notare come con il tempo entrambi abbiamo perso  le capacità motorie in modo piuttosto preoccupante. In “Episodio IV” Darth Vader ha la mobilità di un manichino e ricorda, in maniera agghiacciante, il Bob Dylan visto nei palchi di tutto il mondo in questi ultimi 10 anni.

La nostra principessa Leila è senza ombra di dubbio Patti Smith. Impossibile non riconoscere nei due personaggi la stessa identica combattività ed integrità morale . Senza dimenticare che entrambe incarnano perfettamente un mix di femminismo/femminilità davvero raro. Non ci resta che che continuare a sognare di vedere un giorno Patti Smith salire sul palco con qualche orrenda capigliatura o con il bikini d’oro di Episodio VI. Anche se nel profondo dei nostri cuori il vero desiderio è vedere la principessa Leila cantare “Horses” sopra la carcassa morta di Jabba the Hut con il pozzo di Carkoon ai suoi piedi.


Paurosa, anzi inquietante proprio, la somiglianza fra Antony degli Antony and the Johnson con Max Rebo degli Max Rebo band (l’elefantino blu che suonava nella fortezza di Jabba the Hut).  Entrambi, infatti, accettano cibo come forma di pagamento per i loro concerti, hanno un colore della pelle strano e mutevole, e un modo di cantare assolutamente unico. C’è da dire che alla fine della sua carriera Rebo divenne un soldato della nuova repubblica e poi apri una catena di ristoranti dal nome “Max’s Flanth House“. E’ ancora presto per dire cosa farà della sua carriere Antony, ma un fast-food dal nome: “Hope there’s someone” sarebbe decisamente appropriato.

Qui non credo serva dire nulla.

Vorrei poter continuare e spiegare perché Lou Reed è Darth Maul e Iggy Pop Chewbacca, ma le diverse regole che ho letto per fare un blog di successo, mi spiegano che i post non possono superare una lunghezza che io ho già ampliamente oltrepassato.

Annunci
  1. bellissimo il parallelismo su dylan/vader. alcuni blog che frequento comunque hanno (anche) post di lunghezza molto superiore a questa

  2. Dai il meglio di te…

    L’uomo è irragionevole, illogico, egocentrico
    NON IMPORTA, AMALO
    Se fai il bene, ti attribuiranno secondi fini egoistici
    NON IMPORTA, FA’ IL BENE
    Se realizzi i tuoi obiettivi, troverai falsi amici e veri nemici
    NON IMPORTA, REALIZZALI
    Il bene che fai verrà domani dimenticato
    NON IMPORTA, FA’ IL BENE
    L’onestà e la sincerità ti rendono vulnerabile
    NON IMPORTA, SII FRANCO E ONESTO
    Quello che per anni hai costruito può essere distrutto in un attimo
    NON IMPORTA, COSTRUISCI
    Se aiuti la gente, se ne risentirà
    NON IMPORTA, AIUTALA
    Da’ al mondo il meglio di te, e ti prenderanno a calci
    NON IMPORTA, DA’ IL MEGLIO DI TE

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: