Marmo A Colazione

“Mamma! Quando morirò diventerò un vinile!”

In Recensioni on ottobre 8, 2010 at 9:38 am

Un pensiero mi attanaglia da quando ho circa 14 anni: Cosa farò del mio corpo una volta che sarò morto? Si tratta di un quesito a cui non sono mai riusciuto a trovare una risposta che mi soddisfacesse da tutti i punti di vista. Donare gli organi? Troppo da zecca impegnata stile banchetto di “Emergency”. Una bara sullo spazio? Un’eternità cosmica non sarebbe male, ma in fondo “ho sempre detestato volare”. Mi ero quasi abituato all’idea di essere banalmente cremato, ma poi? Che cazzo fare? Essere esposto come un’inquietante reliquia sopra il camino di casa? Essere sotterratto e costretto a condividere la pace eterna insieme a berlusconiani, fascisti e gente  a cui non piacciono i film dei Coen?  Le mie ceneri potrebbero essere disperse, ma dove? Non esiste nessun luogo a cui io sia fisicamente legato, se non la vecchia camera del mio amico Sante. Ma non credo che lui sia d’accordo. Così ho portato avanti questi dubbi per mesi, anni, abituandomi piano piano  all’idea che la mia uscita di scena sarebbe stata fra le più banali e tristi di tutta la fottuta storia dell’umanità. Un senso di delusione che ha albergato sempre nel mio corpo.

Ma, la scorsa settimana è successo qualcosa di importante. Mi sono imbattuto nel sito internet di un’azienda chiamata “And Vinyly” (http://www.andvinyly.com/). La ditta in questione fa un servizio tanto curioso quanto magnifico. Prende le nostre ceneri e le trasforma in un vinile. Esiste modo migliore per utilizzare il nostro corpo? Per quanto mi riguarda si tratta di una fottuta rivelazione. Il pacchetto costa 2mila euro e permette di scegliere la copertina, ci da una registrazione audio di 24 minuti (dove possiamo registrare la nostra musica, la nostra voce  o fare una selezione di canzoni) e fanno del disco 30 copie. Ma vi rendete conto che cazzo di figata pazzesca?

Personalmente sto già prenotando il servizio in vista della mia dipartita ed ora proverò a decidere la tracklist di questa compilation eterna che accompagnerà i miei cari per tutta la loro vita e con cui potranno ricordarmi sempre:

  1. Beatles – A Day in the Life
  2. The Beach Boys – Heroes and Villains
  3. My Bloody Valentine – Sometimes
  4. The Flaming Lips – My Cosmic Autumn Rebellion
  5. Radiohead – Videotape
  6. Sparklehorse – Hundreds Of Sparrows
  7. Daniel Johnston – Living Life
  8. Paul Baribeau – Ten Things
  9. Bob Dylan – Sad Eyed Lady of the Lawlands
  10. Bright Eyes – First Day of my Life
  11. Velvet Underground – After Hours
  12. Bran Van 3000 – Drinking in L.A.

[dopo un’ora]

Ho già oltrepassato di gran lunga la durata e lasciato fuori un centinaio di canzoni. Dovrò fare un triplo album. Da morto diventerò un Box set edizione limitata. Devo iniziare a lavorare ad un metodo che porti ad una scelta esatta dei pezzi da mettere nel disco. Voi ? Cosa scegliereste?

Annunci
  1. Misteryes- Beth Gibbons…Anche perchè comincia con la frase “God knows I adore life…”, anche se Gelato al cioccolato…

    ;D

  2. Cioè, ma questo servizio è una figata pazzesca!

  3. Qualcosa di Bjork, che solitamente inquieta di suo. Il servizio è di una classe infinita, credo che ci metterò pure qualcosa delle Hole, tipo Teenage Whore.
    Pure il blog è troppo per me, di conseguenza lo metto nel blogroll del mio senza pensarci troppo. E decido la mia tracklist post mortem!

  4. e’ si,assolutamente pazzesco.

  5. Uffà non c’è più il mio commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: