Marmo A Colazione

Voglio tatuarmi il simbolo dell’alleanza ribelle sulla spalla

In Recensioni on settembre 13, 2011 at 11:14 am

 

Ascoltare di prima mattina “Hissing Fauna, Are You the Destroyer?” degli Of Montreal è una contingenza capace di scatenare una serie di conseguenze inaspettate.”Hissing Fauna, Are You the Destroyer?” è un disco clamoroso. Con disarmante facilità riesce ad abbattere quell’ostacolo che è il muro mentale collocato nella vostra testa che alle prime note vi fa dire: “Ma che cazzo sto ascoltando?”. Poi è tutto uno scivolare lungo questo trionfo di kitch e pop lucente; e d’improvviso l’automobile si trasforma in un club la cui direzione artistica è affidata a Wayne Coyne senza la fissa dello sci-fi, gran cerimoniere di questo strano Pimp my ride celebrale.

“Hissing Fauna, Are You the Destroyer?” è un album talmente irresistibile che se lo stai ascoltando alle 8 di mattina mentre sei in macchina per andare a lavoro, ti porta a saltare quel rito sacro che è ascoltare la rassegna stampa in radio, che sa tanto di operazione nostalgia anni ‘40. Un rito a cui sei talmente affezionato da pensare di non poter affrontare la giornata quando, per via di uno sciopero, la trasmissione non è in programmazione per un giorno. Una notizia che ti porta a farti bestia  quando, inebriato dal populismo sfrenato che galleggia nell’aria, ti ritrovi a gridare “FOTTUTI COMUNISTI!!!”.  E in questo caso no; Anzi è il contrario, non riesci a staccarti da “Hissing Fauna, Are You the Destroyer?” nemmeno per quel dolce anestetizzante al retrogusto di Xanax che Radio 3 rappresenta nella tua esistenza. Perché è un disco che mette anche una gran grinta. Ma una grinta fondamentalmente positiva, di quelle che puoi applicare solo a determinate cose, non a tutto. Non puoi ascoltare gli Of Montreal e poi, carico, organizzare una manifestazione antisemita a base di moltov e malto scadente. Ma dopo un ascolto in cuffia di “Hissing Fauna, Are You the Destroyer?” ti puoi tranquillmanete ritrovare a consegnare regali di Natale a perfetti sconosciuti perché dici: “CAZZO! BABBO NATALE DEVE ESISTERE!”. E così ti rendi conto che non puoi applicare quel tipo di grinta al lavoro che fra pochi minuti inizierai a fare, come tutte le mattine. E così ti chiedi se quello è il lavoro giusto per te, e proprio in quel momento, durante i travolgenti 11 minuti di “The Past Is a Grotesque Animal”, senti Kevin Barnes cantare “We want our film to be beautiful, not realistic”; e tutto ciò che vuoi è combattere per la libertà a bordo di un X-Wing.

Mi chiedo se mi abbia fatto bene ascoltare “Hissing Fauna, Are You the Destroyer?” di prima mattina. Quel  che certo è che non scrivevo nel blog da molto tempo. Quindi penso che la conclusione di tutta questa riflessione sia: “Ascoltare “Hissing Fauna, Are You the Destroyer?” di prima mattina rende creativi”. O è quello che ho fatto la sera prima?

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: