Marmo A Colazione

Archive for the ‘Video’ Category

Nel paese del frastuono selvaggio intervista James Stewart (Video)

In Interviste, Video on novembre 23, 2010 at 2:54 pm

Abbiamo incontrato il leader degli Xiu Xiu James Stewart nel corso del suo ultimo concerto all’Auditorium San Domenico di Foligno (Pg). Ne è uscita fuori una chiacchierata dal sapore lynchiano che ci ha restituito con forza l’autenticità del personaggio/autore James Stewart, costantemente incastrato fra la difficoltà e l’imbarazzo dell’espressione verbale e la volontà di essere testimonianza fisica di quell’angoscia di cui trasuda la sua arte. E così ci si concentra di più sui suoi silenzi, di cui tra l’altro da una lettura chiara nella sua ultima risposta, le sue facce e le sue pause, cercando disperatamente di imitare la destrutturalizzazione epilettica presente nella musica degli Xiu Xiu.

Annunci

Gli ultimi 10 minuti per il mio bunker atomico

In Video on luglio 15, 2010 at 12:30 am

Inauguriamo una serie (si spera lunga) di interviste video. In questa occasione a fare un viaggio nel Paese del frastuono selvaggio è stato il musicista jazz Stefano Bollani.

Leggi il seguito di questo post »

Incredibile ma vero, Bennato ha detto qualcosa di intelligente

In Video on luglio 2, 2010 at 10:45 am

Un mal di denti lancinante tormenta le mie notte da giorni. Così, nonostante rappresenti la cosa di cui sono maggiormente terrorizzato, ho deciso di recarmi da quel serial killer del mio dentista. Mentre attendo di essere sacrificato in nome di Nyarlathotep da quel macellaio, per alleviare la tensione ho sfogliato una rivista e mi sono imbattuto in un’intervista di Edoardo Bennato, un personaggio che io ritengo (Forse con superficialità e leggerezza) profondamente demenziale.

Leggi il seguito di questo post »

Jack White (Sì ancora lui!) in uno strepitoso cameo cinematografico

In Video on giugno 21, 2010 at 9:44 pm

A Jack White non basta essere la rockstar più figa di tutto l’universo conosciuto. Fra la registrazione di un disco epico dei White Stripes e uno dei The Dead Weather, poco dopo aver girato l’ultimo video delirante in compagnia di un regista ultra-cool e poco prima di aver fatto uno dei suoi live leggendari, il nostro si (ci) concede anche il piacere di dilettarsi in alcuni cameo cinematografici di tutto valore. Tutti conosceranno il frammento in cui è protagonista nel jarmushiano “Coffe & Cigarettes” dove in bianco e nero mostra a “Meg la sua bobina di Tesla”. Ma molti meno, probabilmente (o forse no, boh),  conosceranno il suo cameo in “Walk Hard”, commedia demenziale di stampo Apatowiano che narra le gesta della rockstar Dewey Cox (interpretato da John C. Reilly). Il film ripercorre la carriera del cantante toccando e caricaturizzando i diversi periodi e luoghi comuni della musica.

In una scena del film Dewey Cox si trova a dover affrontare la sua prima esibizione dal vivo. E dopo un cambio di programma si trova a dover salire sul palco subito dopo Elvis Presley, finendo inevitabilmente in paranoia. Poco prima della sua entrata in scena ha la fortuna di incrociare proprio il re del rock, interpretato in maniera travolgente da Jack White.

VERAMENTE EPOCALE! RESPECT!

Un uomo fa un vinile di cioccolata, lo ascolta e poi lo mangia

In Video on giugno 3, 2010 at 11:26 am

In questo video potrebbe essere riassunta la storia della fruizione della musica. In ogni caso genio puro.

31 maggio 2010 – Cthulhu è nato a Foligno

In Video on giugno 2, 2010 at 9:46 am

Per chi non lo sapesse Cthulhu è il principale, nonché sacerdote, dei “Grandi Antichi”, abominevoli creature aliene che si insediarono sulla Terra quando ancora la vita terrestre era agli inizi. Egli infatti giunse con la sua progenie stellare (la cosiddetta “prole stellare di Cthulhu”) sulla Terra e fondò la leggendaria città di R’lyeh, nella quale fu imprigionato quando le stelle furono allineate correttamente (the stars come right). Alla vista, la sua manifestazione è di un’enorme sacca molliccia, viscida e flaccida, simile alla testa di un polpo ma gigante come una montagna. La pelle è elastica e traspare da essa l’interno osceno del suo corpo. Il colore interno è una sintesi di tutti i colori cadaverici mentre l’odore che emana è un concentrato dei più pestilenziali e putridi miasmi marini. La testa è contornata da tentacoli. I tentacoli finiscono con una specie di bocca nel cui interno si trovano tre denti acuminati. Tra i tentacoli si spalancano occhi fissi che osservano il tutto e il niente. Questa è la descrizione che si trova su wikipedia e che, suppongo, sia ispirata a dei passi di H.P. Lovercraft.

Il 31 maggio 2010 Cthulhu è stato evocato a Foligno, una città nella provincia di Perugia. A fare da sacerdoti sono stati un gruppo di artisti dediti alla musica elettronica e riconducibili sotto il nome “miniDISCHI” e la Joe Rehmer’s Tazer Room, un complesso di musica jazz che fa della sperimentazione una missione. I due gruppi sono stati protagonisti di una collaborazione durante un concerto nel festival “Young Jazz” di Foligno. La fusione di questi due elementi ha portato alla formazione di una melma inquietante, un marasma di luci ed emozioni dai contorni non definiti ma dal bagliore accecante. Una travolgente forma fangosa dall’aspetto minaccioso che non camminava in maniera regolare ma sembrava arrivare da ogni punto della parete per travolgere le nostre coscienze.  Quell’inquietante carica anomala che caratterizzava quella forma motosa, con i minuti ha iniziato a prendere possesso del mio corpo. Entrava dalle scarpe e dalle maniche della mia camicia. Ed una volta in me, riconobbi il suo volto, era Cthulhu.

Il video che vedrete vuole testimoniare tutto ciò. Questo è solo un estratto ed è quello che sono riuscito a registrare prima di perdere completamente coscienza. L’audio è pessimo il video ancora di più.

Un attitudine lo-fi post-rock, post-punk

In Video on febbraio 3, 2010 at 10:47 am

Vi segnalo questo splendido video fatto da un videomaker di nome Hermes “Hem” Mangialardo. Una descrizione antropologica dell’indie medio:

Per vedere altre creazioni di Hermes andate nel sito www.plasmedia.it